L’abuso di droghe e alcol influisce in maniera negativa sulle prestazioni sessuali, oltre che sulla salute generale dell’organismo. Anche se generalmente si pensa che tali sostanze possano favorire la libido, in verità, gli effetti collaterali sono così debilitanti che evitare l’assunzione di tali sostanze risulta una scelta intelligente, in modo da non intaccare le naturali funzioni dell’organismo anche dal punto di vista sessuale.

Alcol e Prestazioni sessuali

E’ importante ricordare che un uso temporaneo e a piccole dosi di alcol può avere un effetto benefico sull’organismo e sulla libido sessuale. Studi recenti hanno dimostrato che bere mezzo bicchiere di vino rosso al giorno può avere ripercussioni benefiche sulla salute e sulla libido, grazie alla capacità di ridurre l’accumulo di colesterolo cattivo nel sangue e all’azione calmante. L’abuso di alcol, invece, è estremamente pericoloso sia per la salute generale del corpo, inficiando gli organi vitali e il sistema nervoso, sia per la libido sessuale, annichilendo, di fatto, il desiderio e le prestazioni sessuali, sfociando nella disfunzione erettile. L’abuso di alcol può creare disfunzioni sessuali anche gravi, come disturbi dell’erezione e, per le donne, problemi di lubrificazione e disturbi al ciclo mestruale sino all’amenorrea.

Droga e Prestazioni sessuali

L’uso di droghe, invece, produce solo effetti negativi sul sesso, anche se assunte a piccole dosi, in quanto si tratta di sostanze che compromettono il sistema nervoso, circolatorio e, in particolare, le connessioni cerebrali con la zona pelvica. Ogni droga influisce in maniera diversa sull’organismo e la risposta di ogni uomo è differente in relazione alle capacità del corpo di interagire con le sostanze stupefacenti. Ciononostante l’abuso di droghe conduce ad un unico effetto collaterale per quanto riguarda la sfera sessuale: la riduzione del desiderio sessuale e la conseguente performance sessuale non soddisfacente.

Gran parte delle droghe utilizzate in campo medico è riconosciuta per gli effetti calmanti, come gli oppiacei di origine naturale ed, in particolare, la morfina. Allo stesso modo, la cannabis viene riconosciuta come sostanza rilassante ed è spesso considerata da chi l’assume un espediente per essere meno ansiosi e più disinibiti sessualmente. Tali droghe, se usate senza controllo, creano un effetto di forte dipendenza, disinteresse sessuale, disfunzione erettile o problemi di eiaculazione.

Tra le droghe stimolanti più utilizzate vi sono la cocaina, l’ecstasy e, in genere, le anfetamine, che donano, apparentemente, la sensazione di disinibizione ed euforia, ma provocano effetti distruttivi sul sistema nervoso e cardiocircolatorio. Molti uomini scelgono questo tipo di droghe per compiere l’atto sessuale e renderlo più duraturo ed esaltante, ma il ritardato o mancato orgasmo può recare dolori e problemi all’apparato genitale, se la situazione si ripete più volte, sfociando in problemi sessuali anche gravi. Inoltre, la disinibizione e l’euforia iniziale di chi all’atto sessuale è sotto l’effetto di tali droghe facilita il possibile contagio di malattie sessualmente trasmissibili. Le droghe allucinogene sono anch’esse fortemente stimolanti e possono recare gravissimi disturbi al sistema circolatorio, che è alla base del buon funzionamento dell’apparato riproduttivo, col pericolo di inficiare la salute genitale e sessuale.