La chirurgia laser della prostata è un intervento mini-invasivo che viene utilizzato per alleviare i sintomi urinari da moderati a gravi causati da ingrossamento della prostata, una condizione nota come iperplasia o ipertrofia prostatica benigna (IPB).

La prostata, ingrandendosi, comprime l’uretra nel punto in cui l’attraversa, causando i disturbi urinari.

L’intervento è endoscopico.

Durante l’intervento l’urologo inserisce la fibra laser attraverso il condotto che trasporta l’urina dalla vescica (uretra). Il laser passa attraverso lo strumento endoscopico ed emana energia eliminando il tessuto prostatico che ostruisce il flusso urinario.

La durata dell’intervento varia da 40 a 120 minuti a seconda della grandezza della prostata.